L’Unione Europea rimprovera l’Italia, l’Agcom non ci sta e Novari ce l’ha con entrambi

Titolo lungo, parzialmente contraddittorio, ma è quello che è emerso dalla lunga sfilza di dichiarazioni che hanno affollato il palcoscenico delle TLC europee ed italiane ieri pomeriggio.

Nonostante la “processione” italiana a Bruxelles, la reazione di nei confronti della politica del nostro paese è stata dura. E perfino sarcastica. L’agguerrita commissaria ha, infatti, fatto notare che “in Italia si registra un tasso di penetrazione sul fronte della telefonia mobile del 148%. Cioè un telefonino e mezzo a persona. Un mercato, direi, che non ha bisogno di sostegni particolari, per cui le tariffe devono essere in linea con i costi“. E proprio sui costi si è scatenata la bagarre dei commenti. Un tutti contro tutti, poco edificante per il futuro delle TLC nazionali.

Stefano Mannoni, commissario Agcom, ha replicato affermando – al “Corriere delle Comunicazioni” – che ”le raccomandazioni Ue non ci hanno del tutto convinto: una riduzione drastica delle terminazioni all’ingrosso, come prospettata in ambito comunitario, non è necessariamente ribaltata su una corrispondente riduzione di quelle al dettaglio”. E dei prezzi all’ingrosso ha parlato proprio Vincenzo Novari che ha parlato a nome di H3G dicendo che ritiene spropositato il taglio delle tariffe.

Diametricalmente opposti a 3 Italia invece Tiscali, Fastweb e BT Italia i cui Amministratori Delegati hanno incontrato la stessa Reding ieri sera. Polemiche sempre rivolte ai , stavolta i tre gestori hanno attaccato – parallelamente all’UE – i costi di interconnessione verso i cellulari affermando che “costituiscono un sussidio ingiustificato all’industria della telefonia mobile e creano una significativa alterazione della concorrenza nell’intero settore delle telecomunicazioni“.

Tutto questo mentre lo schema di rimodulazioni della telefonia mobile proposto da Agcom a maggio va avanti con un record imbattibile: è osteggiato allo stesso tempo dai gestori mobili, da quelli fissi e soprattutto dall’Unione Europea che tuona contro l’Italia: “Nel Trattato comunitario c’è un principio importante, che si applica a tutte le istituzioni europee e a tutte le autorità nazionali: il dovere di cooperazione leale. Io sono sempre pronta – ha affermato la Reding  – a cooperare lealmente con le autorità nazionali, ma mi attendo anche che queste ultime facciano lo stesso con me, specialmente quando hanno una chiara conoscenza dei piani della Commissione. Mi aspetto perciò dall’Agcom che cambi il suo approccio e che modifichi il proprio percorso di riduzione delle tariffe in linea con le metodologie di formazione dei costi e con il ‘timing’ raccomandato dalla Commissione secondo l’art.19 della direttiva quadro Ue: già oggi le tariffe di terminazione mobile in Italia sono fra le più alte d’Europa, e la situazione resterà invariata con queste proposte.”

Ora bisogna vedere come finirà, sicuramente l’Autorità Garante delle Comunicazioni deve ancora capire quale strada prendere. E soprattutto decidere da quale parte stare. Il futuro passa dalle loro mani e Mannoni che replica agli operatori dicendo che “non e’ corretto prendersela con il regolatore se il mercato riserva delusioni rispetto alle aspettative” sembra più in difficoltà dei gestori stessi…

Giornalista, appassionato di TLC.