ATAF, finalmente il (vero) biglietto via SMS

Segnatevi questo numero 4880105. Si manda un sms con scritto Ataf e vale come biglietto per bus e tramvia. “Primi in Italia“, dichiara il Sindaco Renzi.

E’ vero, il servizio di mobile ticketing presentato oggi in collaborazione con Ericsson porta Firenze ad essere la prima città ad offrire il biglietto per i mezzi pubblici direttamente scalabile dal credito residuo del cellulare. La soluzione precedente che richiedeva la carta di credito rischia di andare già in pensione: l’idea era buona, peccato non fosse proprio immediata come l’attuale soluzione.

Come funziona?

L’acquisto e la validazione del biglietto elettronico avvengono in maniera semplice e immediata: è sufficiente inviare un SMS contenente il testo ATAF al numero breve 4880105 prima di salire sull’autobus. Il costo del biglietto è di 1,20€, a cui si aggiunge il costo dell’ SMS di richiesta che varia in base all’operatore di appartenenza. Il passeggero riceve dopo pochi istanti un messaggio che contiene gli estremi del biglietto elettronico come, ad esempio, l’orario di emissione e il periodo di validità. La convalida del biglietto è contestuale all’acquisto e non è quindi necessaria alcuna obliterazione. Per le operazioni di verifica a bordo è sufficiente mostrare al controllore il codice ricevuto via SMS: occorre salire a bordo avendo già ricevuto l’sms di acquisto del titolo di viaggio.

Un piccolo appunto per la chiarezza: 1,20 euro + il costo dell’SMS costa più di… 1,20€. 😉 Quindi attenzione, il biglietto dal cellulare continua a costare sempre di più. E in questo caso, rispetto all’acquisto via carta di credito, non c’è neanche il modo di avere SMS compresi nel proprio abbonamento. I 48x si pagano sempre.

Giornalista, appassionato di TLC.