B.O.P.

Per molti, moltissimi di voi la sigla B.O.P. legata a Wind non dirà niente o quasi. Ma probabilmente alcuni dei pionieri del gestore arancione avranno un piccolo commosso ricordo rispetto a questa opzione. Così eccitante all’epoca, così lontana ad oggi. Cosa era il B.O.P.?


Il B.O.P. (acronimo per Best Option Plan) era un servizio WIND che consentiva ai clienti in abbonamento di analizzare i tempi e i costi delle vostre chiamate per segnalarvi se il piano telefonico scelto non fosse quello più conveniente per voi.

Lo faceva considerando tutti i piani tariffari Wind, compresi quelli che introdurrà in futuro, e permetteva di avere la sicurezza di pagare sempre la tariffa piu’ bassa rispetto alle proprie esigenze in quanto in fatturazione veniva calcolata la combinazione piu’ conveniente al cliente. Beh, qualcuno dei pionieri ricordi a Sawiris che anche quella era Wind, non solo la sua versione di società che – piu’ o meno correttamente – cerca di far cassa sui clienti e non dai clienti. La fidelizzazione è una bella cosa, quel che sta portando avanti il gestore arancio invece no. Si chiama fuga di massa o comunque malcontento, niente di peggio per una società su un mercato competivo come quello delle TLC.