La lunga agonia delle autoricariche in attesa delle rimodulazioni

Si prospetta un biennio di rimodulazioni. Stavolta non sono “cattivi” solo i gestori, non ci sono buoni da difendere a spada tratta probabilmente.
E’ che si può ipotizzare che, grazie al nuovo percorso del costo di terminazione su rete mobile, molte delle vecchie offerte con piani che prevedono l’autoricarica rischieranno di scomparire.
Ci sono le opzioni di Wind, Tim e Vodafone ma anche profili tariffari veri e propri. Mentre cose come il Pieno Wind hanno implicitamente una scadenza (a proposito il Pieno Wind è già morto e “risorto” una volta se ben ricordate!) ci sono altre che dovranno cambiare.

Perchè?

Perché piani come le varie SuperTua+ di H3G, le BeWind, le vecchie AutoricaricaRicevi non reggeranno il prezzo del cosiddetto glide path: i 3/5 centesimi al minuti promessi dal 1° luglio 2012 non verranno incassati dai gestori quando arrivano le famose telefonate da AOM (Altro Operatore Mobile). I prezzi all’ingrosso infatti saranno i seguenti:

Leggi tutto “La lunga agonia delle autoricariche in attesa delle rimodulazioni”

Costi di terminazione giù, tariffe su?

Oggi faccio l’avvocato del Diavolo.

Sono da sempre favorevole all’abbattimento dei costi di terminazione (ossia quei costi che gli operatori pagano ai propri concorrenti quando una telefonata finisce sulla loro rete) perché hanno tenuto artificialmente alti i prezzi per molti anni. Anche per una considerazione banale: se il gestore X paga 11 centesimi per “terminare” la chiamata su Y come può permettersi una tariffa reale (ben diversa dalle nominali, ma qui si apre una parentesi infinita…) inferiore a quella cifra?

Semplicemente non può. E infatti non è mai successo, almeno prendendo come riferimento le tariffe al secondo e con scatto alla risposta (la 3Power10 “chiude” le chiamate su operatori con interconnessione <10 ct., ndr).

Torniamo a noi. AgCom ha reso noto come vorrebbe abbattere i costi di terminazione a partire dal prossimo anno. Leggi tutto “Costi di terminazione giù, tariffe su?”

Le buone notizie del 1° luglio 2010

Giornata ricca di buone notizie quella odierna per la telefonia mobile.

Da oggi, giovedì 1° luglio, infatti succede che:

  1. calano i costi di interconnessione nella telefonia mobile italiana secondo la tabella AgCom
    €cent/minuto Dal

    1/07/2009

    Dal

    1/07/2010

    Dal

    1/07/2011

    Dal

    1/07/2012

    H3G 11,0 9,0 6,3 4,5
    TIM 7,7 6,6 5,3 4,5
    Vodafone 7,7 6,6 5,3 4,5
    Wind 8,7 7,2 5,3 4,5
  2. diminuiscono i costi da rete fissa Telecom per chiamare i cellulari italiani;
  3. si applicano i nuovi prezzi dell’Eurotariffa, le chiamate ricevute scendono a 18 centesimi iva compresa mentre quelle uscenti si attestano a 46. Inoltre arriva il blocco automatico per le connessioni internet in roaming UE, oltre al trasferimento gratuito in segreteria delle comunicazioni all’estero. Leggi tutto “Le buone notizie del 1° luglio 2010”

Meno male che l’Europa c’è

Le Elezioni Europee si avvicinano, ma le TLC è come se non esistessero. Tra i tanti temi delle varie campagne, infatti, riecheggiano tanti appelli che raramente riguardano la telefonia. Che invece, come testimonia Viviane Reding, è un settore fondamentale della nostra quotidianità e della nostra vita.

Andiamo quindi noi a vedere quel che l’Europa sta facendo: dopo la nota vicenda dell’Eurotariffa si torna ai costi di terminazione. Sono state definite dalla Commissione Europea le regole (riassunte in una raccomandazione dopo aver studiato oltre 120 proposte in merito) per l’applicazione dei metodi basati sul costo delle tariffe di terminazione (addebitate a un utente per connettere chiamate provenienti da un altro utente).
Secondo la raccomandazione le nuove tariffe si baseranno solo sui costi reali di un operatore, togliendo di fatto le differenze di prezzo fra i gestori di telefonia Europei  (prezzi al momento compresi in un range che va dai 2 ai 15 centesimi al minuto, a seconda della nazione, per i telefoni fissi, e dai 57 ai 113 per i mobili). Conseguenza del livellamento sarà l’abbassamento dei costi delle chiamate vocali internazionali (sono previsti fra il 2009 e il 2012 risparmi per le famiglie di ben 2 miliardi di Euro), con successivo aumento della concorrenza fra i vari gestori di telefonia.
La convergenza delle tariffe dovrebbe portare, secondo le previsioni della Commissione, ad un abbassamento dei prezzi entro il 2012, rispetto a quelli attuali, di fino a 3 centesimi al minuto.

Dovrebbe, il condizionale è d’obbligo specie in una nazione come la nostra dove l’AGCOM ha in mente tutt’altro piano di abbassamento dei costi. Non diciamo sbagliato, sicuramente asimmetrico e poco coerente con l’indicazione comunitaria. Intanto le associazioni dei consumatori sono soddisfatte, mentre il buon Stefano Quintarelli dice una cosa giusta sull’extraprofitto che ha causato un equilibrio del mercato artificiale. Non è che bisognava essere iscritti a qualche partito per vedere che alcuni modelli dello sviluppo industriale delle TLC non erano propriamente i più adatti per la concorrenza…

[via BitCity]

Un’Alfa per chi si autoricarica

Un’Alfa Romeo Mito 1.4 78cv è il premio più importante… per gli autoricaricatori. Sì, ho scritto bene: autoricaricatori.

Chi sono? Sono quelle persone che ricevono molte chiamate e che i gestori (3 Italia su tutti, nda) coccolano assai. Le alte terminazioni, infatti, permettono ottimi guadagni e, oltre a dare credito residuo, talvolta fanno sì che ci siano anche beni in natura come nel caso dello (scomparso) concorso Luna Park offerto da H3G.

Stavolta arriviamo al top: in regalo un’automobile, anzi due visto che il secondo premio è una Fiat 500. Non ci credete? Guardate i premi del concorso 3 for Business Club ( url https://secure.3forbusinessclub.it/premio.asp?id=488&tipo=11 ).

Come si fa a vincere? E’ semplice: basta ricevere molte chiamate. Anzi moltissime. L’Alfa Mito andrà solo a chi riceverà 300.000 minuti di telefonate di operatori diversi da 3 da qui al 30 novembre 2010.

Ma sapete a quanto equivalgono 300.000 minuti? Sono 208 giorni di chiamate ricevute in due anni. Sembrerebbe impossibile, ma probabilmente non lo è. Soprattutto sorridendo a un simpatico paradosso.

Vedete questo articolo dell’Espresso apparso a fine gennaio? Bene, in quell’articolo un virgolettato attribuito ad H3G parla degli autoricaricatori come “clienti disonesti, a volta in combutta con la criminalità organizzata“. E la società di Vincenzo Novari cosa fa con questo concorso? Regala le auto ai mafiosi?

No, semplicimente segue quel virgolettato in cui tramite “i clienti (che) hanno abusato del servizio di autoricarica, usando software per ricevere in automatico una quantità spropositata di minuti di chiamate e sms” usa la (contestata) fonte di guadagno per fare facili profitti.

Per intendersi: quei minuti che a voi daranno un’Alfa 147, a loro frutteranno un BMW superaccessoriato… perchè con quelle chiamate “disoneste” il gestore ci guadagna ben di più dell’autoricaricatore.

Avete capito la doppia morale?

Terminazione mobile: nessun passo indietro della Ue

Il termine rimane fermo al 2012, la Reding non da’ alcuna concessione come poteva sembrare nelle settimane scorse a uno slittamento al 2014.

Nel tutto comunque rimane un piccolo paradosso: gli incumbent di alcuni stati, Germania e Spagna, cercano di allungare un processo che gli stessi avversari – i mobile challengers che si sono incontrati a Barcellona – non amano proprio del tutto… anche se l’idea dello ‘spread’ nelle terminazioni potrebbe essere l’Uovo di Colombo. Potrebbe, il condizionale è d’obbligo come un eventuale accordo politico in tal senso…