Rimodulazioni e trasparenza: un’occasione mancata per 3

I più attenti mi diranno che le variazioni contrattuali verso il piano Tua9 di H3G non sono rimodulazioni. E’ vero, lo scrissi pure io nel primo caso di questa estate.

Si ripropone comunque, anche in queste ore, il fatto che altri clienti Zero5 cambieranno tariffa dal 1° ottobre. Non per loro scelta, ma per il loro comportamento. Almeno questo dice (più o meno giustamente) 3 nell’applicazione (più o meno ferrea) delle condizioni contrattuali.

Quel che manca ancora una volta è la trasparenza verso i propri clienti: visto che esiste nell’Area Clienti 3 la funzione “Visualizza Dettaglio aggregato” perchè essa stessa non viene messa in condizione di fornire le percentuali di utilizzo “conformi” al contratto?

infocosti-3

Le belle parole (vedi qui sopra il richiamo alla “massima trasparenza“, quasi un ossimoro per quel che viene evidenziato…) non bastano. Capisco il doversi accontentare, la buona volontà e tutto quello che mi sarà risposto, ma avere condizioni assai vincolanti e simili dati aggregati (con voci più generiche che non si può… tipo “Chiamate nazionali/Chiamate verso altri operatori mobili, nda) mi sa tanto di “vorrei ma non posso voglio(no)“.

Non credo infatti che sia impossibile, specie per un operatore telefonico, implementare nel 2009 una funzione che calcola la percentuale delle chiamate per singolo gestore a seconda dei minuti fatturati 😉

Si eviterebbero imho tante chiacchere inutili e l’abuso del Corecom che ormai deve rispondere a quelle banalità per cui i gestori preferiscono (più o meno inspiegabilmente) pagare degli avvocati piuttosto che investire poche migliaia di euro in vera trasparenza